ORFEO di Red Rose

 Red Rose

L’ORFEO

 

orfeo nel fiume

Canto orfico

Così la decantata voce e capo di Orfeo reciso,
lento scivolava abbandonato nel fiume lento
gettato dalle irose perfide meretrici belle
che pie ninfee vollero circondarlo sorretto
affinchè udisse della sua Arpa il lamento
che all’Eterno lo accompagnava addormentato
verso il delta di Stinge dalle acque nigre severe,

che tutti porge a cospetto alla Persefone giudice,
affinchè tra note celestine diamantifere, Ella
riconosca il volto del fu bendato poeta di Certra
che in Amore educatore volle condannarsi all’astinenza
per aver dubitato di ADEs la promessa alla sua risorta:
“Euridice dalla chioma d’oro e bel sorriso, risorga!”

Così Orfeo, sconfitto dal dubbio curioso trafitto
volle lasciarsi andare verso la Morte immortale
che pur di riudire della sua bella Euridice la voce
volle essere processato e reo confesso condannato
Per stare vicina a colei che le lascio nel cuore
l’impronta della bella voce e  bel  sorriso.

AI CANTI:

I° Canto:     verso I.  II.   III.  IV.  V.   VI.   VII.   VIII.   IX.
II° Canto:   verso I.  II.   III.  IV.   V.    VI.   VII   VIII.   IX
III° Canto: verso I.  II.   III.  IV.   V.    VI.   VII   VIII.   IX
IV° Canto: verso I.  II.   III.  IV.   V.    VI.   VII   VIII.   IX
V°  Canto: verso I . II.   III.  IV.   V.    VI.   VII   VIII.   IX
ecc.


Pagine Reblog;

Morte: Negli occhi di Vincent Lambert la nostra umanità perduta di GIULIANO


home page