NO FRIGO

NO FRIGO

Eliminata  la TV di casa, cominciai a guardare in strano modo il frigorifero…

Non fu facile licenziarlo dalla sua mansione, impiegai parecchi mesi. Come HALL in 2001 Odissea nello Spazio, cominciai un po’ alla volta a disattivarlo. Lui stava lì immobile a conservare cibi che regolarmente scadevano alla data prestabilita.Vivere senza una compagna in casa o senza una compagnia, il frigo comincia ad essere sempre meno utile, insomma,  come la Televisione. Ogni volta che lo aprivo mi dicevo “Cavolo! devo prendere il latte, il formaggio grattugiato, la carne ecc..” gettando via tutti cibi prossimi alla scadenza. M’accorsi che comperavo troppo cibo per niente, e che avrei dovuto buttarlo o regalare alla vicina. Imparai a  diminuire gradualmente la spesa fino quasi all’estinzione, rimanendo: 1/2 litro di latte, 2/3 birre, la scatola dei formaggi con dentro una sola qualità, uova, il un barattolo di marmellata iniziato e mai finito, il tubetto di pasta d’acciuga, piccole conserve rosse e tanto spazio vuoto. Il frigo cominciava ad essere più grande del fabbisogno e quindi raffreddavo tanta aria per niente. Meditai per l’acquisto di uno più piccolo, ma mi conveniva aspettare l’evoluzione della situazione.

L’uomo,  quando vive solo ha dei comportamenti strani, comportamenti essenziali.

Un giorno cercai gli occhiali chiedendomi: “Come fanno a sparire gli occhiali in una casa dove vivo solo io” arrabattando alla ricerca qua e la, ovunque. Niente. Niente da fare. Una settimana dopo, controllando le cose scadute nel frigo, notai che il  latte diventato yogurt  stava beatamente in compagnia dei miei occhiali. Diciamocelo, insieme stavano veramente bene come gli innamorati. Il latte, assumeva un atteggiamento intellettuale con gli occhiali. Occhiali e latte avevano fatto amicizia.  Da quel giorno imparai a lasciare gli occhiali di scorta nel frigo in compagnia del latte e barattolini vari, ma aggiunsi le chiavi di scorta dell’auto, del box e la sordina della tromba,

Oggi, a distanza di mesi,  il frigo è spento. Nel vano frigo è diventato l’armadietto per tutte le cianfrusaglie che si aggiravano sparse per casa prive di una collocazione. Finito i surgelati della paratia bassa,  ci ho messo anche due paia di scarpe, una sciarpa, altri libri ancora in fase di lettura, la piccola cassetta degli attrezzi e della frutta di gommapiuma  in memoria dei bei tempi.

La cassettiera del freezer oggi si è trasformata armadietto delle scarpe ordinarie, lucidate a nuovo.

La foto parla da sè.

Non vi dico la faccia di mia sorella Ivonne quando, venuta per le pulizie, aperto il frigo.. “Hei fratello, come va?” guardandomi perplessa:  “Stai bene vero?”.

In sei mesi avevo vinto la mia battaglia contro il frigo superando la torrida estate senza bibite fresche imparando a bere a temperatura ambiente, dissetandomi ugualmente. In caso di astinenza o eccesso di calura, la barista sotto casa mi serve ciò che desidero. Il frigo bibite e gelati lo ha lei rincarati della tassa sui frigo che gli esercenti pagano ogni anno allo Stato.

Senza frigo scoprii la cucina rinascimentale, quindi: legumi, insalate, verdure crude e cotte, frutta di stagione, polenta, pasta,  riso, ecc. rigorosamente acquistati freschi. CiEliminata  la TV in casa, comincia a guardare in strano modo il frigorifero…

Non fu facile licenziarlo dalla sua mansione, impiegai parecchi mesi. Come HALL in 2001 odissea nello spazio, cominciai un po alla volta a disattivarlo. Lui stava li immobile a conservare cibi che regolarmente scadevano alla data prestabilita.

Vivere senza una compagna in casa o senza  una compagnia, il frigor comincia ad essere sempre meno utile, insomma,  come la Televisione. Ogni volta che lo aprivo mi dicevo ” Cavolo! devo prendere il latte, il formaggio grattugiato, la carne ecc..” gettando via tutti cibi sempre prossimi alla scadenza. M’accorsi che comperavo troppo cibo per niente e che avrei poi dovutoo buttare o regalare- Imparai a  diminuire gradualmente la spesa fino quasi all’estinzione, rimanendo: 1/2 litro di latte, 2/3 birre, la scatola dei formaggi con dentro una sola qualità,  il un barattolo di marmellata iniziato e mai finito, il tubetto di pasta-aciga, piccole conserve rosse, e tanto spazio vuoto. Il frigo cominciava ad essere piu grande del bisogno  e quindi raffreddavo tanta aria per niente.

L’uomo,  quando vive solo ha dei comportamenti strani, comportamenti essenziali.

Un giorno cercai gli occhiali. Mi dicevo: “Come fanno a sparire gli occhiali in una casa dove vivo solo io” rabattando ovunque. Niente. . Una settimana dopo, controllando le cose scadute nel frigo, , notai che il  latte diventato jogurt,  stava li in compagnia coi miei occhiali. Insieme stavano bene insieme, il latte assumeva un atteggiamento intelletuale. Avevano fatto amicizia.  Da quel giorno imparai a lasciare gli occhiali di scorta nel frigo in compagnia del latte e barattolini vari.

Oggi, a distanza di mesi,  il frigor è spento e detro ho creato un armadietto con tutte le cianfrusaglie che si aggiravano sparse per casa. Finito i cibi surgelati della paratia bassa,  ci ho messo anche: due paia di scarpe, una sciarpa, i libri ancora in fase di lettura e della frutta di gommapiuma  in memoria dei bei tempi.

Ora nella cassettiera del frizer ci stanno le scarpe ordinarie lucidate a nuovo. La foto parla da se.

Non vi dico la faccia di mia sorella Ivonne quando, venuta per le pulizie.  ha aperto il frigor… “Hei fratello, come va?” guardandomi perplessa:  “Stai bene vero?”. In sei mesi avevo vinto la mia battaglia contro il frigor, superando la torrida estate senza bibite fresche imparando a bere la seplice acqua dissetandomi ugualmentr. In caso si crisi di astinenza, la baeita sotto casa mi serviva tutto cià che sedideravo. Il frigo lo aveva lei e i prodotti erano già rincarati sulla tassa dei frigor che gli esercenti pagano ohni anni allo Stato.

Senza frigo ho scoprerto la cucina rinascimentale, quindi: legumi vari, insalate, verdure, frutta, polenta, pasta,  riso, ecc. rigorosamente acquistati freschi. Ciò vale anche per tutti quei cibi companatici di taglio fresco acquistati sui banconi dei negozi. Per chi vive senza frigo, in cucina deve prestare molta attenzione alle dosi in quanto, se dovesse avanzare qualche porzione, si rischia di ripetere a sera lo stesso pranzo, altrimenti, per evitare la scadenza di cibo programmato fresco, dovrà buttare via tutto. In tal modo ho capito finalmente in cosa consiste la “dode” consigliata nelle ricette culinarie. Prima invece no, cucinavo a casaccio senza proporzione mettendo gli avanzi cotti, dentro in frigo.

Ciò vale per tutti quei cibi companatici di taglio fresco acquistati sui banconi dei negozi. Per chi vive senza frigo, in cucina deve fare molta attenzione alle dosi in quanto, se dovesse avanzare qualche porzione, rischi di ripetere a sera lo stesso pranzo sono alti, altrimenti, per evitare la scadenza deli cibo programmato fresco, si dovrà buttare via tutto. In tal modo ho capito finalmente l’importanza della “dose” consigliata dai ricettari culinari. Prima invece no, cucinavo a casaccio senza proporzione, mettendo gli avanzi in frigo o in pattumiera

Oggi di spesa ne faccio “quanto serve” e ogni giorno prendendo solo l’essenziale, tanto il frigo come i prodotti alimentari ce li hanno i negozi fornitori. Pensavo: “Perché avere un frigo quando con la merce fresca la pago gia tassata di frigo, tassa che i supermercati versano allo Stato italiano ogni anno?”

Si trattava di cambiare il proprio modello di vita. Parlandone con la figlia mi rispose che anche Fabio (il suo compagno di vita)  nel frigorifero tiene solo l’essenziale. La cosa mi rallegrò tanto. Non ero il solo cittadino milanese rinsavito.

Spensi definitivamente il Frigo.

20181205_083607

L’avventura continia:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...