Gertrude Stein e Alice Toklas, le 2 “spie”

 

Gertrude Stein e Alice Toklas: “Le terribili Zitelle.”

Zitella, donna non sposata: “Quelle due zitelle non fanno che curiosare e spettegolare”.

Dopo il fallito colpo di stato da parte del Capitalismo Borghese Internazionale ai danni dello Russia governata dallo Zar Nicola II, colpo di mano progettato dalla Massoneria americana congiuntamente con quella francese e col forte contributo militare dato dal Giappone (alleato) nella “Guerra Russia-Giappone del 1905”, lo Zar, scoperto nei rivoltosi l’élite massonica europea organizzatrice dei disordini, il tribunale militare russo, oltre dare l’ordine di  far fuoco contro i propri cittadini aizzati in nome della Rivoluzione e per disperderli, arrestati gli organizzatori,  fucilarono tutti quelli di nazionalità russa per alto tradimento, allontanando in malo modo per questioni diplomatiche i sopravvisuti organizzatori europei.

La decisione di tale gesto repressivo da parte delle milizie russe, fu drastica quando si accorsero di essere finiti in una “Operazione a Tenaglia” di grandi proporzioni che li vedeva impegnati su due fronti opposti e distanti fra loro: ad Est in Cina contro i giapponesi che rivendicavano l’autorità coloniale sulla Cina e parte della Manciuria, annientando l’esercito russo presente da tempo in quelle aree;  ad Ovest si trovarono attaccati da forze interne a guida internazionali massonica e senza divise, animatori di popolo in rivolta nel nome della Rivoluzione di massa in vista della caduta del regno di Russia che aveva il proprio esercito sgualcito impegnato contro i giapponesi.

La Rivoluzione popolare scattò poco dopo che furono partite le navi da guerra della marina russa in appoggio agli schieramenti sul fronte giapponese. L’operazione fu studiata nei minimi dettagli, quindi vincente, ma per un dettaglio non previsto, il fronte Ovest fu sbaragliato con l’arrivo dei terribili Cosacchi, soldati di una ferocia inaudita che salvò la Corona di Russia e il suo Impero.


I Reduci

Ogni guerra produce i suoi veterani, reduci o sbandati che siano, (Tacito, Annales, XIV, 27,2: Non avvezzi a contrarre nozze né ad allevare figliuoli, essi lasciavano le case vuote e senza prole» ) e Parigi divenne il serbatoio più grande d’Europa nel dare rifugio a questi sbandati perdente, esercito civil partito baldanzoso e volontario per realizzare un sogno di conquista a proprie spese.

Le operazioni rivoluzionarie, se non sono supportate da una forza governativa straniera non potranno mai avere la meglio, quindi, la comunità massonica europea, partita per la Rivoluzione in Russia torna perdente e squattrinata. Di ritorno, aveva bisogno non solo di riorganizzare le proprie fila e lo spirito, ma anche di in supporto economico di chi se ne facesse carico. Lo stato francese, ufficialmente se la defilò lavandosene le mani. La Francia non voleva essere politicamente compromessa evitando lo scandalo diplomatico di aggressore, lasciando tale impresa gestionale a carico della stessa comunità massonica internazionale.

Poiché gli Stati Uniti erano i diretti responsabili della guerra del 1905, l’amministrazione americana dovette farsi carico degli aiuti umanitari, e quando partono quegli  aiuti, l’esperienza insegna che,  è bene accompagnarli con amministratori propri e di fiducia.

Per gli Stati Uniti d’America, quella mezza vittoria o mezza sconfitta non gli bastava pensando quindi di riorganizzare le fila e preparare una ulteriore Insurrezione in Russia usando la collaudata maschera della: Rivoluzione Libertà e Democrazia.

Il piano stavolta era più ambito. Si trattava di immigrare uomini straordinari della massoneria europea da rieducare con una serie di Conferenze e poi rispedirli ai paesi di origine in quanto, se l’agente spia parla bene la propria lingua e con accento originale diventa più difficile identificarla come agente ostile.

Questo modello americano di controspionaggio sta diventando universale in tutti gli stati aprendo i confini alle giovani generazioni straniere da specializzare nelle diverse discipline e rimandarle nei paese di origine consolidandosi ottimi anelli di congiunzione eversivi. Dietro la parola democrazia in verità, si nasconde la vecchia strategia greco-romana di utilizzare i prigionieri di guerra o economici, rieducarli per l’esportazione coloniale del modello culturale e amministrativo coloniale.

Come Pericle il greco che con il “Salario d’Ingresso” aveva attirato a se le migliori menti e maestranze mondiali di allora, cosi il sistema capitalista americano preparava i propri agenti futuri aprendo le frontiere, operazione diretta dall’Ufficio Immigrazioni per la selezione di razze e popoli di ogni specie. In quegli anni, il Colonialismo americano ed europeo dominava il mondo intero

La “Tuta mimetica” che meglio uscì priva di sospetti e indenne dal fallimento della guerra del 1905 Russia-Giappone, fu l’Arte.

Ed ecco in Francia apparire in tappe successive  nel mondo dell’Arte le nostre due amabili e feroci Zitelle: Gertrude Stein e Alice B. Toklas:

5e93a13babee6e81e0b73d699da78c3d

Chi sono veramente queste due Signorine americane di origini europee?

Le seguiamo  passo passo nella storia dell’Arte perchè sono piene di “mosse invisibili” e grandi sorprese

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...